Fondazione Ordine Ingegneri Napoli e il CFS di Napoli rinnovano gli impegni per la Responsabilità Sociale

Promuovere la cultura della responsabilità sociale, partendo dal tema della sicurezza sui luoghi di lavoro, come opportunità di sviluppo competitivo per le imprese alla luce degli impegni in tema di sostenibilità previsti dall'Agenda 2030, questi i principali obiettivi alla base della Carta di Napoli come protocollo d'intesa sottoscritto con Spazio alla Responsabilità dalla Fondazione Ordine Ingegneri Napoli e dal Centro Formazione e Sicurezza di Napoli, l'organismo paritetico per la formazione e la sicurezza in edilizia di Napoli e provincia, gestito dalle parti sociali del settore costruzioni.

Tra le prime azioni in programma è previsto il coinvolgimento nelle attività portate avanti dal CSRMed Forum, Forum Permanente della Responsabilità Sociale nel Mediterraneo che raggiunge così la quota dei 92 Aderenti e la partecipazione al 6° Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa, promosso dall'Associazione Spazio alla Responsabilità presso la Camera di Commercio di Napoli dal 24 al 26 ottobre in occasione della Settimana Europea della Sicurezza sui Luoghi di Lavoro, in main partnership con Inail Campania ed il  Consorzio Promos Ricerche, l'Ente autonomo Voltuno e Deloitte.

Tra i temi all'attenzione: dal rating di Legalità come strumento di premialità delle imprese virtuose alle innovazioni tecnologiche in grado di mitigare i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori; dalle nuove Linee Guida promosse dall'UNI e dall'ANCE per l’applicazione pratica del modello di responsabilità sociale della ISO 26000 nel settore delle costruzioni al ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS-RLST) e della bilateralità nell’adozione di buone prassi nelle imprese.

“La Responsabilità Sociale d’Impresa rientra da sempre tra i principi fondamentali che animano le nostre attività" - dichiara Paola Marone, Presidente della Fondazione Ordine Ingegneri Napoli e Presidente al terzo mandato del CFS di Napoli. "L’adesione al Forum Permanente della Responsabilità Sociale nel Mediterraneo rappresenta un’ulteriore concreta di scambio proattivo su tematiche che riteniamo centrali per una reale crescita, sostenibile e competitiva, delle nostre imprese. Consapevoli della necessità di integrare conoscenze e competenze secondo un approccio interdisciplinare capace di accogliere le nuove prospettive di sviluppo nell'era della trasformazione digitale, siamo certi del contributo che il CSRMed Forum potrà dare partecipando alle iniziative promosse dal CFS di Napoli ed ai gruppi di lavoro, creati in seno alla Fondazione, sui temi dell'innovazione al fine di includere con rinnovato vigore gli aspetti sociali e degli impatti sugli stakeholder nella valutazione di qualsiasi progettualità".

"Da tempo - sottolinea Raffaella Papa, Presidente della Associazione Spazio alla Responsabilità - abbiamo avviato una fattiva collaborazione con l'Ordine degli Ingegneri di Napoli e l'adesione della Fondazione insieme al CFS di Napoli consolidano il nostro impegno nelle attività di stimolo del tessuto imprenditoriale, soprattutto in un comparto così importante sui nostri territori, ad adottare comportamenti responsabili a tutela dei diritti delle persone e dell’ambiente, in piena coerenza con i 17  Obiettivi  di  Sviluppo  Sostenibile (SDGs) promossi per l’Agenda 2030, le Linee Guida OCSE e gli obiettivi del Piano di Azione Nazionale su Impresa e Diritti Umani. Tutte le nostre iniziative - aggiunge - sono volte alla diffusione dei vantaggi competitivi e delle ricadute positive derivanti da una condotta responsabile, promuovendo azioni e strumenti capaci di innescare processi di buona innovazione che, nel mettere in sinergia profit e no profit, pubblico e privato, generino valore per il territorio migliorando le perfomance dell'impresa”.